Condividi questa pagina

L’ISOLA DI SMERALDO E’ SEMPRE PIU’ VERDE. ANCHE GRAZIE A TOMRA.

La selezione TOMRA favorisce il recupero della carta nel più grande impianto di riciclo rifiuti domestici d’Irlanda

04 ottobre 2018

L'innovativa tecnologia di selezione a sensori di TOMRA Sorting Recycling è stata scelta per incrementare il recupero della carta nel più grande impianto di riciclo di rifiuti domestici d’Irlanda, gestito da Irish Packaging Recycling (IPR), parte di Beauparc Utility Group. All’inizio dell’anno il Gruppo ha investito 2,9 milioni di sterline per l’ammodernamento dell’impianto, che ha incluso anche l’installazione di cinque nuove unità AUTOSORT.

Il modernissimo impianto di recupero materiali di Ballymount, Dublino, lavora il materiale di riciclo da uso domestico proveniente da circa 400.000 abitazioni della capitale e delle aree circostanti. Il 70% del materiale in ingresso viene raccolto privatamente da Panda Recycling e Greenstar, mentre il resto viene raccolto da altri operatori.

L'impianto, il più grande nel suo genere in Irlanda, impiega 105 dipendenti e ha una licenza di lavorazione per 100.000 tonnellate all'anno ed è attualmente in funzione al 90% della sua capacità, con un funzionamento di 20 ore al giorno (su due turni), cinque giorni alla settimana.

Ogni ora, 20 tonnellate di materiale da riciclo “secco” da uso domestico vengono separate nei suoi componenti: due tipi di carta, cartone, alluminio, acciaio e cinque tipi di plastica. I materiali recuperati vengono trasformati in balle che vengono vendute ai mercati di tutto il mondo.

Il progetto di ammodernamento, gestito da McDonald International, ha previsto l'installazione di 37 nuovi nastri trasportatori, cinque separatori ottici TOMRA, un separatore a tamburo, tre cabine di selezione manuale, una revisione completa del sistema elettrico e di controllo, l'aggiornamento dell'interfaccia di controllo dell'impianto esistente e l'integrazione dei controlli vecchi e nuovi in un unico sistema. Tutte le nuove apparecchiature sono completamente certificate CE e il nuovo sistema di sicurezza elettrica 'ASIsafe' di Siemens porta l'impianto ad uno standard di integrità della sicurezza SIL3.

IPR ha completato con successo l'aggiornamento delle apparecchiature nell'aprile 2018. Per consentire l'aggiornamento, l'impianto è stato chiuso per un periodo di cinque settimane dal 12 marzo al 16 aprile. Nonostante alcuni problemi durante i lavori, il progetto è stato completato nei tempi e da allora ha superato ogni aspettativa. La produttività dell'impianto è aumentata del 22%, il consumo di energia elettrica si è ridotto del 10% per tonnellata e la qualità e il valore del prodotto finale è migliorato. IPR ha aumentato i tassi di recupero attraverso una migliore gestione dei materiali e l'aggiunta di un processo di recupero delle fibre per recuperare piccoli pezzi di carta dai rifiuti dell'impianto.

TOMRA SORTING RECYCLING: il fornitore di tecnologia di riferimento

Liam Dunne, direttore generale presso l’impianto gestito da IPR, commenta: "Inizialmente siamo venuti a conoscenza di TOMRA attraverso le fiere e il passaparola di altri operatori del settore. Poi, quando abbiamo nominato McDonald International nostro appaltatore principale per il progetto di aggiornamento chiavi in mano, sono stati loro a presentarci TOMRA Sorting Recycling come partner tecnologico prescelto".

Prima dell'installazione della tecnologia TOMRA presso l'impianto, sono state effettuate due prove presso il Test Center TOMRA di Mülheim-Kärlich, in Germania, dove i clienti sono invitati a testare il proprio materiale nelle macchine TOMRA. Il Test Center è gestito da un team di ingegneri specializzati che lavora direttamente con i clienti per sviluppare flussi di lavoro innovativi per ottimizzare la selezione dei materiali. I sistemi di selezione vengono calibrati per fornire livelli ottimali di cernita e riciclo in grado di soddisfare le esigenze di ogni singolo cliente.

Grazie alla disposizione ad anello e all'utilizzo di apparecchiature meccaniche di pre-preparazione spesso utilizzate dai clienti presso le proprie strutture, il Test center assicura che l'ambiente operativo di un cliente possa essere simulato con precisione. I risultati di questi primi test vengono poi inseriti nelle nuove macchine dei clienti, facendo in modo che la nuova linea di selezione sia efficiente già dall’installazione della macchina.

La soluzione scelta per l'impianto di Ballymount consiste in cinque unità TOMRA AUTOSORT sulla linea carta - un'unità sulla linea giornali e e quotidiani e tre sulla linea di qualità della carta mista. Una quinta unità viene utilizzata per il recupero delle fibre per ridurre gli scarti dell'impianto.

Spiega Liam: "Sono andato due volte al Test Center in Germania e il team britannico di TOMRA ha inviato diversi sacchi del nostro materiale al centro, provando molte combinazioni diverse. Prima di acquistare l'attrezzatura, abbiamo fatto dei test approfonditi. Essere in grado di vedere cosa potevano fare le macchine prima di acquistarle è stato inestimabile. Inoltre, TOMRA ci ha fornito garanzie sulle prestazioni del materiale testato: questo ci ha dato tranquillità e una panoramica completa di cosa aspettarci una volta installate le nuove macchine".

Dallo smistamento manuale all'automazione

Con l'introduzione delle apparecchiature TOMRA, l'impianto è ora in grado di funzionare a 20 tonnellate all'ora (con un aumento da 16,5 tonnellate all'ora) e di raggiungere il 98,3% di purezza della carta prima che il materiale venga controllato a mano in una delle tre nuove cabine. IPR sta ora beneficiando di una maggiore efficienza, di costi di manodopera ridotti e di una carta molto più pulita di prima.

Liam commenta: "Non abbiamo ancora raggiunto i nuovi requisiti per i limiti di contaminazione più bassi della Cina, ma il nostro obiettivo era di scendere al di sotto del 2% di contaminazione e attualmente siamo all'1,7%. Questo prima che i nostri operatori addestrati individuino eventuali contaminazioni residue dalle nostre tre nuove cabine di cernita manuale. Questo ci ha permesso di aumentare il numero di paesi verso i quali esportiamo. Inoltre, le attrezzature di TOMRA ci hanno permesso di aumentare la capacità dell'impianto e di migliorare la nostra carta riducendo la contaminazione. Di conseguenza, la nostra carta è ora una delle più pulite del paese. Non è tutto, grazie all'aggiunta di una quinta AUTOSORT che recupera le fibre dagli scarti vegetali, abbiamo ridotto i nostri scarti del 4%.

"Siamo rimasti molto colpiti dagli esperti di TOMRA durante l'intero processo. Sono stati fortemente coinvolti nella fase di progettazione e di scambio idee con McDonald International, e questo ci ha aiutato molto. L'impianto di collaudo è stato prezioso e anche il supporto di TOMRA nel Regno Unito e la copertura telefonica 24 ore su 24, 7 giorni su 7 è molto utile. Abbiamo recentemente firmato un accordo di assistenza in modo da poter beneficiare di un supporto continuo per mantenere la disponibilità, la capacità e le prestazioni di recupero del nostro impianto".

Conclude Gavin Russell, ingegnere commerciale di TOMRA Sorting Recycling: "È stato un piacere assoluto lavorare con Liam e il team di IPR. L'impianto è un grande esempio di ciò che l'automazione può ottenere se supportata da una stretta collaborazione tra fornitore e cliente".